AMVI Aeronautica Militare Virtuale ItalianaAMVI Aeronautica Militare Virtuale Italiana

Bayraktar TB2: il Kuwait acquista 18 droni turchi con un contratto da 370 milioni di dollari

21 gen 2023 Aeronautica dal mondo

Bayraktar TB2: il Kuwait acquista 18 droni turchi con un contratto da 370 milioni di dollari

Il Kuwait ha firmato un accordo per l’acquisto di 18 droni armati Bayraktar TB2 di fabbricazione turca, ha annunciato mercoledì il produttore Baykar. La società ha dichiarato di essersi assicurata il contratto, del valore di 370 milioni di dollari, superando aziende statunitensi, europee e cinesi.

Il processo tra Baykar e il Ministero della Difesa kuwaitiano è iniziato nel 2019. Il Bayraktar TB2 S?HA si è contraddistinto durante il suo volo dimostrativo in Kuwait nel luglio 2019. Volando per 27 ore e 3 minuti ininterrottamente in condizioni geografiche e climatiche difficili come alte temperature e tempeste di sabbia ed ha battuto il record di permanenza in volo che già gli apparteneva in quel momento.

Ogni Bayraktar TB2 costa circa 5 milioni di dollari e ogni velivolo è accompagnato da 100 missili a guida laser MAM-L e MAM-C, che consentono l’attuazione dell’intero spettro di compiti tattici in conformità con lo scopo operativo del sistema, e che insieme valgono 15 milioni di dollari. C’è anche un costo aggiuntivo per i centri di addestramento e comando e controllo, che varia in base al numero di droni acquistati. Ogni centro di comando può controllare fino a sei droni.

Come sappiamo i droni Bayraktar TB2 hanno una comprovata esperienza di combattimento nei conflitti in Libia, Siria e Nagorno-Karabakh. Ma non erano mai stati usati contro un esercito con sofisticate capacità di guerra elettronica e sistemi di difesa aerea all’avanguardia fino all’invasione russa dell’Ucraina, dove sono stati schierati dalle forze armate di Kiev.

Abbiamo conosciuto il drone TB2 Bayraktar, che nei primi mesi del conflitto in Ucraina è stato un vero e proprio bastone fra le ruote per i russi, grazie ai video dei loro attacchi aerei che sono rimbalzati come una pallina da tennis sui social di tutto il mondo, raggiungendo milioni di visualizzazioni, definendolo quasi come una creatura mitologica diventando una celebrità in patria e finora si sono dimostrati efficaci nel combattere le truppe russe schierate in profondità all’interno del territorio ucraino.

Il Bayraktar TB2 è un drone tattico in grado di condurre compiti di sorveglianza e ricognizione (ISR) e missioni di combattimento utilizzando missili guidati trasportati su quattro punti sotto le ali. Il Bayraktar TB2 è stato dotato di un sistema avionico che consente rullaggio, decollo, atterraggio e volo completamente autonomi. Il drone è lungo 6,5 metri e ha una apertura alare di 12 metri. Ha una capacità di volo fino a 27 ore. Il peso al decollo del drone è di 650 chilogrammi e la velocità massima è di circa 220 km/h.

Sviluppato dalla turca Baykar Technologies per l’utilizzo da parte delle Forze armate turche questo drone rappresenta il primo UAV hunter-killer di costruzione completamente turca e concepito per scopi di sorveglianza a lunga autonomia ma a medie altitudini. Questi droni sono equipaggiati di telemetri e designatori laser concepiti per ingaggiare il bersaglio da una posizione di controllo di tipo remoto che può essere distante dall’apparecchio fino ad un massimo di 185 miglia. L’armamento è di 4 missili a guida laser Smart Micro Munition.

Sotto un profilo strutturale, i Bayraktar dispongono di un design di tipo monoscocca e sono integrati da una struttura a coda formata da due derive a V rovesciata. La fusoliera è stata realizzata in fibra di carbonio, Kevlar e altri materiali compositi ibridi con l’intento di rendere il velivolo estremamente leggero e performante.

Ad oggi ventotto paesi utilizzano i Bayraktar TB2, inclusa la Polonia, alleata della NATO. Dall’inizio del processo di ricerca e sviluppo degli UAV nel 2003, Baykar ha guadagnato il 75% di tutti i suoi ricavi dalle esportazioni. Nel 2021 è diventato il leader dell’export dell’industria della difesa e aerospaziale, secondo i dati dell’Assemblea degli esportatori turchi (TIM). Baykar, il cui tasso di export era del 99,3% nei contratti firmati nel 2022, ha esportato per 1,18 miliardi di dollari e nel 2022 ha avuto un fatturato di 1,4 miliardi di dollari.

FONTE https://www.aviation-report.com/bayraktar-tb2-kuwait-acquista-18-droni-turchi-con-contratto-da-370-milioni-di-dollari/