Il Giappone sta per annunciare le portaerei difensive

03 dic 2018 Aeronautica dal mondo

Le portaelicotteri saranno riconvertite in portaerei difensive così da aggirare la Costituzione del Giappone che vieta vettori d'attacco.

 

La decisione sarà formalmente adottata tra due settimane quando il governo giapponese adotterà le nuove linee guida del Programma Nazionale per la Difesa. Tokyo, inoltre, approverà l’ordine di altre cento piattaforme tattiche F-35 che si uniranno alle 42 già acquistate nel 2011, così da soddisfare le richieste di Trump che ha ripetutamente invitato il Giappone ad acquistare più hardware americano ed a ridurre lo squilibrio commerciale tra i due paesi.

Una nuova era di proiezione

Il Giappone è particolarmente preoccupato per le crescenti attività aeree della Cina all'estremità meridionale della catena delle isole giapponesi. C'è poi la questione delle isole Senkaku, rivendicate dalla Cina come Diaoyu, nel vicino Mar Cinese orientale. Tokyo ha una sola base aerea sull'isola di Okinawa, la Naha Air Base, che funge anche da aeroporto civile regionale. La base di Naha ospita 40 F-15J ed è l’unica struttura a difesa dell’intera area meridionale del Giappone. Con delle portaerei in servizio attivo, il Giappone sarebbe in grado di disperdere le proprie forze aeree che non sarebbero più subordinate alle strutture fisse, certamente bersaglio primario durante un conflitto. Il Giappone, quindi, si appresta ad invertire decenni di politica governativa modificando le due cacciatorpediniere portaelicotteri per trasportare aerei ad ala fissa ed inaugurare una nuova era di proiezione di potenza.

Giappone: Cacciatorpediniere portaelicotteri classe Izumo

Le due unità classe Izumo sono grandi come le portaerei che il Giappone ha utilizzato durante la seconda guerra mondiale. Sia la capofila Izumo DDH-183 che la gemella Kaga DDH-184, sono lunghe 250 metri, con equipaggi di 470 marinai ed un dislocamento di 27mila tonnellate, un terzo delle portaerei degli Stati Uniti. Sebbene abbiano capacità anfibie, le portaelicotteri giapponesi sono tradizionalmente focalizzate sulla guerra antisom. Ogni unità della Kaij? Jieitai trasporta 14 velivoli a rotore come gli elicotteri antisom SH-60K Seahawk, cinque dei quali possono decollare e atterrare contemporaneamente. L’idea di convertirle in portaerei non giunge inaspettata considerando le eccessive dimensioni dei vettori. Negli anni il Giappone ha lavorato per ricostruire la sua aviazione navale ed il progetto delle Izumo si ispira chiaramente al trasporto aereo ad ala fissa. Fino a pochi anni fa la riconversione delle due cacciatorpediniere portaelicotteri come vettori per l’F-35B era ritenuta onerosa e politicamente rischiosa.

La vera natura del Progetto 22DDH: una questione costituzionale

La decisione di riconvertire le unità della classe Izumo avviene in un contesto di crescente vulnerabilità delle basi aeree giapponesi nei confronti dei missili da crociera e balistici di Cina e Corea del Nord. Tokyo ha sempre pubblicamente negato la vera natura delle Izumo a causa delle questioni relative alla violazione costituzionale del sistema d’arma di proiezione. In base all'articolo nove della Costituzione giapponese, il governo proibisce la costruzione di armi considerate principalmente di natura offensiva come le portaerei. Tuttavia il Giappone possiede una straordinaria capacità marittima latente. La sua economia è considerevolmente più grande di quella di Francia, India o Regno Unito. Gli ostacoli che hanno impedito lo sviluppo di una forza di proiezione navale (la già citata questione costituzionale, le preoccupazioni sull'opinione pubblica internazionale, l'impegno per il pacifismo) sono stati lentamente spazzati via. La propulsione nucleare sembra improbabile, ma il Giappone in futuro costruirà vettori sempre più grandi sulla base di una plausibile interpretazione delle sue esigenze di autodifesa nei confronti della Cina.

Classe Izumo: Da portaelicotteri a portaerei difensive

Le cacciatorpediniere portaelicotteri classe Izumo del Giappone sono state progettate specificatamente per ospitare la variante STOVL (Short Takeoff and Vertical Landing) della piattaforma tattica F-35. Eufemisticamente classificate come cacciatorpediniere elicotteri dal Japan Maritime Self-Defense Force per minimizzare le offensive capacità belliche delle navi, le due unità del progetto 22DDH sono state chiaramente concepite per la riconversione in portaerei. Nell'ultimo rapporto del Ministero della Difesa giapponese pubblicato lo scorso maggio e contrariamente a quanto affermato in precedenza, il ponte di volo delle Izumo è già stato rivestito con lo speciale materiale termoresistente necessario per garantire le operazioni di decollo ed atterraggio dell'F-35B. Anche gli ascensori che collegano l'hangar al ponte di volo sono stati specificamente progettati per ospitare l'F-35B e l'MV-22 Osprey. La classe Izumo non è stata equipaggiata con delle catapulte per lanciare i caccia ne con lo ski-jump per il decollo corto. Tuttavia se opportunamente modificate, potrebbero trasportare la variante a decollo corto e atterraggio verticale dell’F-35 così da garantire una difesa regionale mobile. L'aggiunta di uno ski-jump non si rende necessario anche se migliorerebbe le prestazioni in decollo dell'F-35B e aggiungerebbe un ulteriore margine di sicurezza. Dovrà essere riconfigurata l’intera griglia di difesa a corto e medio raggio così da non intralciare le operazioni di volo degli F-35B. La struttura interna delle portaerei dovrà essere riprogettata per ospitare l’intera linea logistica JSF ed ALIS. Il costo complessivo per la riconversione delle due unità classe Izumo, compresa l’acquisizione di trenta piattaforme tattiche F-35B (12/14 a vettore) è stimato in 4 miliardi di dollari. L'opzione AV-8B potrebbe essere economicamente valida e non presenterebbe problemi di compatibilità con il rivestimento del ponte di volo, ma non assicurerebbe le capacità tattiche di quinta generazione dello JSF. Da rilevare che la futura forza aerea del Giappone si sta rimodellando sull'F-35A già ordinato. Il Giappone investe poco più dell'1 per cento del suo PIL nella Difesa.

FONTE http://www.ilgiornale.it/news/mondo/giappone-sta-annunciare-portaerei-difensive-1608425.html