Eurofighter per la Turchia: Ankara valuta l’acquisto di 40 velivoli di seconda mano

Area dedicata al mondo dell'aviazione reale. News e discussioni su aerei e nuove tecnologie
Rispondi
Avatar utente
Phant
Capitano
Capitano
Messaggi: 14310
Iscritto il: 19 settembre 2003, 15:14
Località: Olbia
Contatta:

Eurofighter per la Turchia: Ankara valuta l’acquisto di 40 velivoli di seconda mano

Messaggio da Phant » 1 dicembre 2023, 19:13

Aviation-report.com ha scritto:
Eurofighter per la Turchia: Ankara valuta l’acquisto di 40 velivoli europei di seconda mano

Il ministro della Difesa, Yaşar Güler, ha annunciato che la Ankara sta valutando l’acquisto di 40 Eurofighter per la Turchia di seconda mano, anche se la Germania sembrerebbe opporsi all’idea. Il presidente Recep Tayyip Erdoğan si recherà in Germania per una visita di lavoro di un giorno per colloqui con il suo omologo, il cancelliere Olaf Scholz.

“Vogliamo acquistare gli Eurofighter per la Turchia. Si tratta di un aereo molto efficace. Questi aerei sono legati al Regno Unito, alla Germania e alla Spagna”, ha detto il ministro in un’audizione parlamentare ad Ankara. “Sia il Regno Unito che la Spagna sono favorevoli, e stanno facendo sforzi per persuadere la Germania. Il Regno Unito e la Spagna affermano che “risolveremo questo problema”. Se la soluzione verrà risolta, prevediamo di acquistare 40 aerei Eurofighter“, ha detto Güler all’agenzia stampa turca Anadolu (AA).

A giugno e settembre del 2022, avevamo già riferito che la Turchia aveva espresso interesse per i più capaci caccia Eurofighter Typhoon in caso di fumata nera sull’accordo con gli Stati Uniti per gli F-16. E in una posizione più aggressiva, il presidente Recep Tayyip Erdogan aveva avvertito che la Turchia avrebbe potuto rivolgersi ad altri paesi, come la Russia, se gli Stati Uniti non avessero fornito gli F-16. “Gli Stati Uniti non sono gli unici a vendere aerei da guerra al mondo. Anche Regno Unito, Francia e Russia li vendono“.

L’Eurofighter Typhoon è un caccia multiruolo bimotore europeo prodotto da un consorzio di Airbus, BAE Systems e Leonardo e Güler ha affermato che i jet F-16 e F-4 presenti nell’inventario del Comando delle forze aeree turche sono sufficienti per i compiti che la Turchia svolgerà. “Ma ovviamente guardiamo oltre. Per questo abbiamo richiesto l’F-35, ma con l’F-35 sono sorti alcuni problemi. Stiamo lavorando anche su alternative“, tra le quali i 40 Eurofighter per la Turchia, ha detto Güler.

Il programma Eurofighter, sviluppato, prodotto e mantenuto da Regno Unito, Germania, Spagna e Italia, ha una comprovata esperienza ed è la spina dorsale della difesa aerea alleata. Dal suo primo volo nel 1994, il Typhoon è stato modernizzato e aggiornato per essere il jet da combattimento, di generazione 4++, più avanzato sul mercato. La sua cellula è stata progettata per ridurre la sezione trasversale del radar e gli aggiornamenti stanno migliorando le caratteristiche furtive dell’aereo. La fusione dei sensori, la capacità di operare in scenari complessi multidominio, l’elevata consapevolezza della situazione, l’avionica e l’elettronica all’avanguardia, la capacità di super-crociera e molto altro ancora fornirebbero all’aviazione militare turca un notevole vantaggio competitivo.

Come abbiamo scritto più volte, gli Stati Uniti hanno sospeso la Turchia dal programma degli aerei da caccia F-35 nel 2019 dopo essersi opposti all’acquisto da parte di Ankara del sistema di difesa missilistico russo S-400, sostenendo che il sistema russo avrebbe messo in pericolo gli aerei da combattimento.

La Turchia ha ripetutamente affermato che non esiste alcun conflitto tra i due sistemi e ha proposto una commissione per studiare la questione, affermando anche di aver adempiuto ai propri obblighi per gli F-35 e che la sua sospensione era contraria al contratto e alle regole. Inoltre, riguardo al ritardato acquisto di aerei da caccia F-16 dagli Stati Uniti, Güler ha dichiarato che “… per modernizzare i nostri F-16, acquisteremo 40 F-16 Block 70 Viper già pronti e ne modernizzeremo 79 presso l’industria aerospaziale turca TUSAŞ.”

Separatamente, la Turchia ha presentato una richiesta a Washington nel 2021 per 40 jet F-16 e kit di ammodernamento per aggiornare la sua flotta esistente. Il Dipartimento di Stato americano ha informato informalmente il Congresso della potenziale vendita. A seguito della notifica informale dell’amministrazione al Congresso, è stato avviato un processo di revisione a più livelli per avviare i negoziati con il Congresso. Tuttavia, diverse obiezioni da parte dello stesso Congresso hanno trascinato la situazione nell’incertezza.

Un certo numero di legislatori del Congresso degli Stati Uniti, in particolare l’ex presidente della commissione per le relazioni estere del Senato Bob Menendez, si sono opposti alla vendita e hanno legato la loro approvazione alla ratifica da parte della Turchia dell’adesione della Svezia alla NATO.

Ankara sostiene che i jet rafforzerebbero non solo la Turchia ma anche la NATO, tuttavia il ministro Güler ha ribadito l’approccio di Ankara all’autosufficienza della difesa riferendosi a due aerei principali sviluppati localmente, uno dei quali è l’Hürjet e l’altro è l’aereo di quinta generazione denominato KAAN.

Un tempo nazione fortemente dipendente dall’approvvigionamento di armi straniere, la Turchia, sotto l’amministrazione del presidente Erdoğan, è ora in grado di soddisfare localmente quasi l’80% delle esigenze dell’industria della difesa nazionale. Il portafoglio di armi prodotte a livello nazionale comprendono il famoso drone da combattimento Bayraktar TB2, il nuovo drone TB3 da imbarcare sulle unità navali, il drone da combattimento stealth Kizilelma, sistemi di difesa aerea, missili antinave, armamenti leggeri e programmi nazionali di navi da guerra e carri armati.

“Il nostro obiettivo principale è il nostro aereo da combattimento nazionale di quinta generazione, KAAN. Se tutto va bene, effettuerà il suo primo volo alla fine di quest’anno. È un aereo di quinta generazione. Stiamo lavorando anche sul nostro motore“, ha detto il ministro.

L’industria aerospaziale statale Turkish Aerospace Industries (TAI), che offre un’ampia gamma di prodotti, dagli elicotteri agli aerei da addestramento fino ai droni, ha presentato quest’anno il suo aereo da caccia di quinta generazione KAAN che si prevede volerà con un motore di produzione nazionale nel 2028. Il paese mira a sostituire la flotta esistente di F-16 con aerei di nuova generazione, incluso il KAAN, entro il 2030.

KAAN è un caccia da superiorità aerea bimotore con tutte le tecnologie e le caratteristiche presenti negli aerei da guerra di quinta generazione. L’aereo può raggiungere una velocità massima di Mach 1,8 (2.222 km/h) grazie ai suoi due motori, che possono produrre 29.000 libbre (13.000 chilogrammi) di spinta ciascuno. Le sue capacità includono un’elevata consapevolezza situazionale, carico di lavoro ottimizzato del pilota, rilevamento dei danni da combattimento, sistemi di missione di nuova generazione, bassa osservabilità, capacità attacchi di precisione e operabilità congiunta con altri elementi.


Immagine

Bye
Phant
Immagine Immagine

Rispondi

Torna a “Aircraft Corner”