Bomba nucleare B61: Pentagono annuncia variante più potente

Area dedicata al mondo dell'aviazione reale. News e discussioni su aerei e nuove tecnologie
Rispondi
Avatar utente
Phant
Capitano
Capitano
Messaggi: 14310
Iscritto il: 19 settembre 2003, 15:14
Località: Olbia
Contatta:

Bomba nucleare B61: Pentagono annuncia variante più potente

Messaggio da Phant » 2 novembre 2023, 1:33

Aviation-report.com ha scritto:
Bomba nucleare B61: Il Pentagono annuncia la realizzazione di una nuova variante più potente B61-13

Il Dipartimento della Difesa americano ha annunciato che gli Stati Uniti realizzeranno una variante moderna della bomba nucleare B61, denominata B61-13, in attesa dell’autorizzazione e dell’appropriazione del Congresso. La prima bomba nucleare B61 è entrata in servizio 50 anni fa e nel corso dei decenni sono state apportate numerose modifiche per aumentarne la sicurezza e l’affidabilità. Lo scopo dichiarato della B61-13 sarebbe quello di offrire maggiori capacità contro strutture particolarmente rinforzate, come centri di comando e controllo strategici sotterranei e obiettivi di area più ampia.

La National Nuclear Security Administration (NNSA) del Dipartimento dell’Energia produrrebbe la bomba nucleare B61-13. La decisione di perseguire questa capacità, presa in stretta collaborazione con la NNSA, risponde alle esigenze di un ambiente di sicurezza in rapida evoluzione, come descritto nella Nuclear Posture Review del 2022.

“L’annuncio riflette un contesto di sicurezza in evoluzione e le crescenti minacce da parte di potenziali avversari“, ha affermato l’Assistente Segretario alla Difesa per la Politica Spaziale John Plumb. “Gli Stati Uniti hanno la responsabilità di continuare a valutare e mettere in campo le capacità di cui abbiamo bisogno per scoraggiare in modo credibile e, se necessario, rispondere agli attacchi strategici e rassicurare i nostri alleati“.

Il B61-13 sarebbe utilizzabile da aerei quali i caccia F-35 e i bombardieri B-21, rafforzando la deterrenza degli avversari e la garanzia di alleati e partner fornendo al Presidente opzioni aggiuntive contro determinati obiettivi militari più difficili e di vasta portata. Sostituirebbe alcuni esemplari della variante B61-7 nell’attuale arsenale nucleare e avrebbe un rendimento simile alla B61-7, che è superiore a quello della B61-12.

Nel 2020, l’F-15E è diventato il primo jet americano ad essere certificato per trasportare il B61-12, ma si prevede che la bomba sarà certificata per l’uso da parte di F-35, F-15, F-16 e B-2, così come gli aerei Tornado in Europa. Tuttavia, alcuni analisti hanno evidenziato che la B61-7 non è progettata per l’uso da parte dei caccia e sospettano che anche la B61-13 sarà limitata ai bombardieri: il B-2 e, eventualmente, il B-21.

Un primo test di volo con il caccia di quinta generazione era stato condotto nell’agosto del 2020 quando un velivolo F-35A che volava supersonico ha lanciato una B61-12, contenente componenti non nucleari, da circa 10.500 piedi sopra il Tonopah Test Range. La bomba B61-12 inerte ha colpito il suolo del deserto nell’area designata circa 42 secondi dopo. Questo test di volo è stata la prima dimostrazione di un rilascio della B61-12 completamente strumentato da un vano bombe interno su un caccia e il primo rilascio di questo tipo di armamento alla velocità di Mach 1 o superiore.

Ad ottobre 2012 due aerei F-35A Lightning II dell’US Air Force avevano rilasciato la bomba nucleare tattica B61-12 Joint Test Assemblies (JTA) durante la prima dimostrazione del sistema d’arma completo dell’F-35A, completando l’esercitazione finale di collaudo in volo del processo di certificazione dell’armamento nucleare. L’integrazione della bomba nucleare tattica B61-12 sugli F-35 è un tema molto importante anche per quanto riguarda la NATO e gli arsenali basati in Germania e in Italia, che come sappiamo in caso di conflitto oggi utilizzerebbero i velivoli Tornado per il lancio di questa arma.

Inoltre, in collaborazione con la National Nuclear Security Administration, il Los Alamos National Laboratory e l’US Air Force, Sandia aveva già completato una dimostrazione completa del sistema d’arma B61-12 con il caccia F-15E Strike Eagle a marzo del 2020 e un’altra a luglio 2020 con il bombardiere strategico B-2A Spirit. Quindi la bomba B61-12 sarà certificata per volare anche su F-15E, B-2, F-16C/D, F-16 MLU, PA-200 e B-21.




“Il B61-13 rappresenta un passo ragionevole per gestire le sfide di un ambiente di sicurezza altamente dinamico“, ha affermato Plumb. “Sebbene ci offra ulteriore flessibilità, la produzione della B61-13 non aumenterà il numero complessivo di armi nel nostro arsenale nucleare“. Il numero delle B61-12 da produrre sarà ridotto dello stesso importo del numero delle B61-13 prodotte.

La bomba nucleare B61-13 trarrebbe vantaggio dalle attuali capacità produttive consolidate che supportano la B61-12 e includerebbe le moderne caratteristiche di sicurezza, protezione e precisione sempre della B61-12. arma che ha le sue origini nell’amministrazione Obama. Questo progetto sta consolidando le vecchie varianti B61-3, -4, -7 e -10 aggiornandole con le tecnologie più recenti. La prima unità di produzione della B61-12 è stata introdotta nel novembre 2021, con la produzione prevista fino alla fine dell’anno fiscale 2025.

Secondo quanto riferito, la B61-7 è capace di un’esplosione tra 340 e 360 kilotoni, il che la rende una delle versioni, della bomba nucleare B61, più potenti. La resa massima della B61-12 è di 50 kilotoni. La versione B61-13 quindi avrebbe la stessa potenza della B61-7.

Sostanzialmente, né le B61-12 né le -13 sono “nuove” armi nucleari che aumentano le scorte, poiché prendono le testate delle bombe più vecchie e le collocano in nuovi alloggiamenti. Secondo il Pentagono questa iniziativa segue diversi mesi di revisione e considerazione. La messa in campo della B61-13 non è in risposta a nessun evento attuale specifico ma riflette una valutazione continua di un contesto di sicurezza in evoluzione.


Immagine

Bye
Phant
Immagine Immagine

Rispondi

Torna a “Aircraft Corner”