L’E-8C JSTARS vola la sua ultima missione operativa

Area dedicata al mondo dell'aviazione reale. News e discussioni su aerei e nuove tecnologie
Rispondi
Avatar utente
Phant
Capitano
Capitano
Messaggi: 14310
Iscritto il: 19 settembre 2003, 15:14
Località: Olbia
Contatta:

L’E-8C JSTARS vola la sua ultima missione operativa

Messaggio da Phant » 16 ottobre 2023, 0:38

Aviation-report.com ha scritto:
L’E-8C JSTARS vola la sua ultima missione operativa

Un equipaggio del 10th Expeditionary Airborne Command and Control Squadron dalla base aerea di Ramstein, in Germania, ha effettuato l’ultima sortita operativa dell’aereo E-8C JSTARS – Joint Surveillance Target Attack Radar System il 21 settembre scorso, aprendo la strada al ritiro dell’ultimo membro della flotta all’inizio del mese di novembre. Il 116th Air Control Wing della Georgia Air National Guard ha effettuato l’ultima di oltre 14.000 sortite per il JSTARS, aereo che viene utilizzato per il targeting, la gestione della battaglia, il comando e il controllo.

“È agrodolce”, ha detto in un comunicato il colonnello Christopher Dunlap, comandante del 116th Air Control Wing. Attualmente due aerei JSTARS rimangono sulla base aerea di Robins in Georgia. Il piano provvisorio è di inviare l’ultimo al “Boneyard” presso la base aerea di Davis-Monthan inArizona nella prima settimana di novembre. Fino ad allora, l’aereo potrà essere utilizzato localmente per l’addestramento degli equipaggi, se necessario.

Tuttavia, le sortite operative finali segnano una delle pietre miliari finali per l’E-8. Utilizzato principalmente per il targeting di bersagli in movimento a terra, l’E-8C JSTARS fungeva anche da piattaforma di gestione della battaglia. La sua caratteristica più distintiva è il radome lungo 27 piedi, a forma di canoa sotto la fusoliera che ospita un’antenna phased array. La messa a terra della flotta segna la fine di un’era nell’intelligence sul campo di battaglia.

L’aereo ha inizialmente supportato le operazioni di combattimento durante l’operazione Desert Storm e ha svolto un ruolo chiave per 18 anni consecutivi nei contributi dell’aeronautica militare statunitense durante la guerra globale al terrorismo, in Iraq e Afghanistan. Più recentemente, l’E-8 ha effettuato missioni sull’Europa orientale nel periodo precedente e immediatamente successivo all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022.

L’US Air Force aveva già pianificato di ritirare dal servizio l’E-8C JSTARS da alcuni anni. Nel giugno 2021, i leader dell’US Air Force avevano annunciato l’intenzione di ritirare gli aerei dalla base aerea di Robins, che li ospita dal 1996. Al suo posto, su questa base aerea sarà basato uno squadrone per il Battle Management Control, uno squadrone di aerei E-11A Battlefield Airborne Communication Node (BACN), un gruppo Spectrum Warfare e unità di supporto focalizzate sull’Advanced Battle Management System (ABMS).

Il primo E-8 era stato ritirato nel febbraio 2022. Un mese dopo, l’USAF aveva annunciato l’intenzione di ritirare 12 dei 16 aerei negli anni fiscali 2023 e 2024, e il Congresso ha accelerato la mossa abrogando una legge precedente che richiedeva all’US Air Force di mantenere almeno sei E-8. Lo scorso marzo, la richiesta di budget dell’US Air Force ha rivelato un piano per accelerare il piano di disinvestimento, con il ritiro dell’intera flotta entro la fine dell’anno fiscale 2024.

Negli ultimi mesi, la base aerea di Robins ha interrotto le operazioni JSTARS, disattivando gli squadroni ed effettuando i voli finali. A giugno, il 461st Air Control Wing ha completato la sua ultima missione operativa a Ramstein.

Al Pentagono hanno affermato che l’US Air Force deve ritirare il JSTARS perché non sopravviverebbe in un futuro combattimento con un avversario avanzato come la Cina e pe poter investire in diverse tecnologie di informazione e targeting, comprese le piattaforme spaziali. Invece di mantenere un vasto inventario di jet costruiti appositamente per missioni altamente specializzate, l’US Air Force ora si appresta ad utilizzare una rete di satelliti, sensori di altri aerei e radar terrestri per raccogliere gli stessi dati di targeting e tracciamento fornite dall’E-8.

L’US Air Force spera che questo approccio la renderà più resistente contro potenziali attacchi alla sua rete di comando e controllo, le farà risparmiare denaro sulla manutenzione degli aerei e le farà utilizzerà i suoi aviatori in modo più efficace.


Immagine

Bye
Phant
Immagine Immagine

Rispondi

Torna a “Aircraft Corner”